Scommesse sportive online, quali sono i segreti per provare a vincere

Una delle tendenze che sono emerse più nettamente nel mondo del gambling è certamente rappresentata dalle scommesse online, che hanno fatto registrare un vero e proprio boom nel corso degli ultimi anni. Le scommesse live hanno portato una vera e propria rivoluzione nel settore del betting online.

Di conseguenza, si sono diffuse in men che non si dica nuove strategie e tattiche per provare a vincere in maniera frequente scommettendo non solo sul calcio, ma anche sulle altre discipline sportive con la modalità Live.

Scommettere in modalità Live

Dopo aver scelto la piattaforma migliore per quanto riguarda le scommesse online, in modo particolare quella che offre i bonus più vantaggiosi, è necessario dare un’occhiata anche ai sistemi di pagamento che vengono accettati.

Usare la postepay per giocare nei casino online è un metodo utilizzato da un elevatissimo numero di giocatori, dal momento che sfruttano la stessa carta per effettuare anche tutte le altre transazioni online. A questo punto, una volta creato il proprio conto di gioco, è possibile dedicarsi solo ed esclusivamente alle scommesse.

Quelle live, tra l’altro, differiscono molto da quelle normali. Chi decide di provare a scommettere sulle partite di calcio live non deve seguire delle strategie particolari, quanto piuttosto serve avere una competenza e delle conoscenze smisurate circa l’evento su cui si vuole puntare.

Facciamo un esempio: se decidiamo di scommettere live su un match che è aperto ad ogni risultato nei novanta minuti, è meglio evitare di puntare immediatamente all’inizio della partita. Solamente i giocatori con maggiore esperienza sanno riconoscere il momento giusto in cui piazzare la propria puntata.

Saper puntare nel momento giusto

D’altra parte, anche con la modalità Live, i tipi di scommessa messi a disposizione dai casino online sono quasi infiniti e, di conseguenza, diventa fondamentale anche scegliere quello più adatto.

L’esperienza gioca un ruolo primario, quindi: è importante, in modo particolare, saper scegliere il momento giusto, dato che una tattica eccessivamente attendista può portare a perdere fin troppe opportunità per vincere.

Lo studio di ogni informazione e statistica prima del match è altrettanto importante: è chiaro come il calcio non si possa affatto considerare una scienza esatta, ma è abbastanza facile intuire che, se il primo tempo di una partita dovesse terminare sullo 0-0 senza tiri in porta, difficilmente la giocata più azzeccata potrebbe essere un Over 2,5.

Si impara dagli errori

L’esperienza di puntare sulle partite Live si acquisisce solamente sbagliando. È chiaro come prima si riesce ad arrivare ad un punto efficace nella maturazione come giocatori, e meno questo aspetto può incidere sul proprio budget.

Quindi, sfruttare i vari bonus che vengono messi a disposizione è di fondamentale importanza. In alcuni casi, ci sono degli approcci matematici che possono tornare molto utili: tra gli altri, uno di quelli più diffusi è certamente il criterio Kelly, che offre la possibilità di controllare il proprio budget indicando la somma migliore che si deve giocare per ciascuna puntata.

Si può optare per la versione piena oppure frazionata di tale metodo: nel primo caso il rischio è più elevato, visto che a volte si tratta di puntare cifre piuttosto grandi, mentre nel secondo c’è una copertura maggiore sulle potenziali perdite.

Spese per il gioco: al Sud percentuali più alte

Le ultime indagini sulle spese di gioco degli italiani rivelano dei dati molto significativi. In particolare emerge che al Sud la spesa è più alta. I nostri connazionali spendono in media nel giocare l’1,8% del loro reddito. In testa c’è la Campania con il 3,3%, ma anche la Calabria conquista un posto di interesse con il 3,13%. La regione in cui si spende di meno è il Trentino Alto Adige, con l’1,1%.

I dati dell’indagine di Agimeg

La scelta degli italiani cade soprattutto sui casino online italiani legali e affidabili. Sono sempre queste piattaforme di gioco che attirano l’attenzione dei nostri connazionali. Agimeg ha preso in considerazione i dati diffusi dal Ministero delle Finanze e li ha messi a confronto con i risultati che derivano dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Nello specifico l’indagine ha preso in considerazione il 2017. È emerso che in media il reddito di ogni italiano corrisponde a circa 20.000 euro. Di questa cifra, l’1,8% è stato speso proprio nel gioco online o nel gioco in generale.

Una percentuale che certo appare interessante, ma che, secondo gli esperti, esclude un certo allarmismo che negli ultimi tempi si è diffuso nei confronti del gioco e delle scommesse.

I dati relativi alle regioni italiane

Come abbiamo già specificato, la maggiore spesa per il gioco è al Sud. Al Centro Nord invece le percentuali sono più basse. Nella classifica in particolare la Calabria si colloca al secondo posto, subito dopo la Campania che apre la classifica. Al terzo posto la Puglia con il 2,9%, poi il Molise con il 2,76%, la Sicilia con il 2,70% e l’Abruzzo con il 2,69%.

I numeri appaiono molto più piccoli se ci spostiamo verso il Nord. Basti pensare per esempio all’1,5% dell’Emilia Romagna e all’1,2% del Veneto. Alcune grandi regioni non incidono in maniera forte, restando sotto la media nazionale.

È il caso per esempio di Lombardia e Lazio, con una percentuale di reddito dedicata al gioco rispettivamente dell’1,5% e dell’1,7%.

Quali sono gli intrattenimenti preferiti

L’indagine condotta da Agimeg ha cercato di individuare anche i tipi di giochi che più attraggono gli italiani. Nelle forme di intrattenimento preferite dai nostri connazionali ci sono sicuramente slot e VLT. È emerso a questo proposito che ogni italiano in media avrebbe speso per questi giochi l’1,1% del reddito, con una spesa che ammonta a circa 19 euro al mese.

In questo senso la Calabria e il Molise sono le due regioni che fanno registrare la percentuale più alta, anche in confronto alla media nazionale. Si tratta rispettivamente dell’1,71% e dell’1,70%.

Seguono poi la Campania, la Puglia e la Sardegna. Anche in questo caso le regioni del Nord fanno registrare delle percentuali più basse. La Lombardia ha una percentuale dello 0,98%, il Piemonte dello 0,89% e il Trentino Alto Adige dello 0,78% per quanto riguarda la spesa nelle slot.

Ancora di meno incidono le scommesse di carattere sportivo, per le quali ogni italiano dedicherebbe in media 1,5 euro al mese, per complessivi 17 euro all’anno. Anche in questo caso la maggiore incidenza è in Campania.

Reggina, rivoluzione Gallo in atto: si guarda al futuro con speranza

L’alba di una nuova era è iniziata e a Reggio Calabria ed è il caso di dire “finalmente”. Una giornata di metà stagione, tra sogno, anzi miracolo play off da cullare e realtà salvezza da conquistare, il vento della novità non soffiava, apparentemente. Eppure, le cose cambiano e si capovolgono da un momento all’altro. “La vita è quello che ti succede mentre sei impegnato a fare altri programmi” diceva John Lennon. Frase calzante, senza dubbio, anche per l’arrivo del presidente Gallo alla guida della Reggina. Gli amaranto non sono come molte altre compagini di Serie C. I reggini rappresentano una realtà che merita la Serie A e lì, nel terzo campionato italiano, non dovrebbero assolutamente starci. Risalire la corrente, però, è complesso ma da un momento all’altro gli orizzonti sono cambiati.

L’avventura di Praticò come presidente della Reggina finisce e non poteva essere altrimenti. Le capacità economiche sono tutto o quasi per una società di calcio. Le risorse, in questo caso, scarseggiavano. I tifosi amaranto dovranno essere sempre grati a Mimmo Praticò perché ci ha creduto più di tutti, ha gettato il cuore oltre l’ostacolo dando alla Reggina una speranza, un modo per non ricominciare dai dilettanti e provare nuovamente la scalata per tornare agli storici fasti di un tempo non lontanissimo, ma troppo distante per ciò che è successo. Ovvio che, con il passare delle prime stagioni della “rinascita”, si era pian piano fortificata l’idea che non fosse Praticò il presidente della risalita. Il passaggio di testimone a Gallo ha evitato penalizzazioni, rinforzato la squadra e adesso il sogno non è impossibile. Nei prossimi due anni, come ha prospettato il nuovo numero uno, gli amaranto dovranno salire di grado e di categoria. Facile a dirsi, ma per renderlo concreto serve duro lavoro, sacrificio ed investimenti economici non indifferenti. Gli inizi sono incoraggianti, ma adesso serve di capire se nel lungo periodo potrà essere Gallo l’uomo della svolta, senza rivelarsi un traghettatore. Distaccandoci dal futuro e da un sogno che, inutile negarlo, è costantemente nei pensieri di chi ha la Reggina nel cuore, bisogna concentrarci su una stagione che non è rosa e fiori ma nemmeno da pioggia torrenziale. Guardando la classifica, per quelli che erano i presupposti iniziali, è più che positiva. Ottavi in griglia e in lotta per i play off. Vero che le distanze sono minime e le vicende potrebbero nuovamente cambiare, ma la squadra c’è. La scossa in panchina, con l’esonero di Cevoli e l’arrivo di Drago, può rendere gli amaranto più competitivi. Quest’anno il diktat salvezza è abbordabile, per qualcosa di più grande si potrà anche aspettare l’estate quando la campagna acquisti dovrà rispecchiare i buoni propositi in sede di presentazione del presidente Gallo. Testa bassa e pedalare, dunque. I presupposti ci sono e la Reggina, dopo Parma e Lecce, è la prossima tra le grandi decadute a voler tornare grande e basta.

Sponsorizza la tua attività sul web grazie a Pubbli-Center

Pubbli-center è il luogo ideale per chi è alla ricerca di attività di vario genere presenti in Calabria. Nel sito è possibile trovare diversi tipi di attività in modo rapido, senza attendere o fare ricerche complicate e infruttuose

Grazie alla suddivisione in categorie il sito è infatti consultabile gratuitamente e permette di trovare un’ampia gamma di aziende, negozi, studi, bar, ristoranti e molto altro, da scegliere a seconda delle proprie necessità.

In ogni attività sono riportate delle informazioni riguardanti la tipologia di prodotto trattato, complete di indirizzi, numeri di telefono, siti web e tutto ciò che serve per entrare in contatto con quella preferita. 

La presenza di un vasto catalogo di categorie in cui sono presenti numerose attività accelera la ricerca, che oltretutto viene anche facilitata dalla presenza della mappe sul sito che indica il luogo esatto in cui si trova l’azienda che si desidera contattare. 

Si tratta di un servizio molto utile sia per chi ha un’attività che per chi è in cerca di quella adatta a soddisfare le proprie necessità e mette a disposizione tutte le informazioni necessarie in modo immediato.

L’elenco delle categorie comprende abbigliamento sportivo, agenzie e assicurazioni, agenzie viaggi, antennisti, bar, fiorai e altre categorie al cui interno sono inserite una serie di attività che si trovano nelle varie località della regione. 

La Mission di Pubbli-Center.com

L’obiettivo di Pubbli-center è quello di mettere in contatto nella maniera più veloce possibile le attività con i consumatori, favorendo la diffusione di prodotti e merci vari che altrimenti non sarebbe possibile far conoscere.

In questo modo il cliente ha la possibilità di trovare l’attività desiderata nella zona della Calabria in cui vive o magari si deve recare per motivi di lavoro, di divertimento o altro. Un servizio, quindi, che avvicina in maniera assolutamente istantanea attività e clientela, sviluppando collaborazioni e generando anche profitti.

Se anche tu vuoi far conoscere la tua attività, il tuo negozio, la tua professione, con Pubbli-center.com puoi ampliarne la conoscenza e renderla fruibile a tutti quanto sono interessati al tuo settore. 

Inserendo la tua attività in una delle categorie presenti nel sito puoi diffondere il prodotto e allargare i contatti in maniera rapida e veloce. 

La mappa presente sul sito consentirà a chiunque di trovare l’attività scelta senza possibilità di sbagliare, eliminando quindi anche ogni dubbio sulla posizione. 

In ogni categoria è possibile trovare numerose attività di vario genere presenti nelle diverse località della Calabria, permettendo anche di trovare non solo quelle vicine alla propria zona di residenza ma anche quelle più lontane.

Calcio, Riccardo Cucchi ha presentato a Reggio Calabria il nuovo libro Radiogol

Si intitola ‘Radiogol’ il nuovo libro di Riccardo Cucchi, la storica voce della trasmissione radiofonica ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, che il radiocronista ha presentato a Reggio Calabria, a Palazzo Alvaro, per quella che è un’opera che racconta e ripercorre ben 35 anni di carriera alla radio.

Riccardo Cucchi entrò infatti nella squadra di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’ nel 1981, quasi in punta di piedi, per poi diventare, a partire dal 1994, la prima voce di quella che ancor oggi in Italia è la trasmissione radiofonica più longeva di sempre.

Tra emozioni e retroscena, e con il giornalista Rai Tonino Raffa in qualità di relatore e di moderatore, la presentazione del libro ‘Radiogol’ di Riccardo Cucchi è stata accompagnata a Palazzo Alvaro non solo dalla proiezione di filmati storici, ma anche dalla riproposizione di alcune delle sue più celebri radiocronache.

Tra queste è di certo indimenticabile quella relativa, nel 2016, alla finale dei Mondiali di calcio a Berlino che furono vinti ai calci di rigore dalla Nazionale italiana guidata dal Ct Marcello Lippi. Riccardo Cucchi è andato in pensione, e quindi non fa più parte della squadra di ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, ma leggendo il suo libro sarà possibile ripercorrere 30 anni di Serie A tra grandi successi, ribaltoni e pesanti sconfitte da parte delle big della massima serie calcistica nazionale, dallo scudetto della Roma alla Champions League vinta dall’Inter, e passando per lo scudetto della rinascita bianconera nel 2012, dopo calciopoli e la retrocessione in Serie B.

Per circa 30 anni, inoltre, il radiocronista Riccardo Cucchi ha nascosto la sua fede per i colori biancocelesti. Solo nella sua ultima radiocronaca per ‘Tutto il calcio minuto per minuto’, infatti, ha svelato di tenere per i colori della Lazio.

Economia Calabria: Unical, UniCredit e Unindustria siglano Patto per la crescita

Un Patto per la crescita dell’economia nella Regione Calabria. A stipularlo sono stati Unical, UniCredit e Unindustria Calabria al fine di sostenere la ripresa in atto nella Regione puntando in particolare sull’innovazione e sui nuovi progetti imprenditoriali.

L’intesa, tra l’altro, mira infatti a supportare le aziende operanti in Calabria per gli investimenti, ad agevolare i progetti Industria 4.0, a sostenere la riqualificazione delle competenze ed anche ad incrementare il tasso di interconnessione tra le aziende ed il mondo della ricerca in accordo con quanto è stato riportato con una nota dal sito Internet di Unindustria Calabria.

‘Obiettivo dell’accordo firmato oggi è inoltre quello di promuovere la sinergia tra gli attori del territorio, come fattore propulsivo di sviluppo’, ha dichiarato, tra l’altro, Giuseppe Verde, che è Area Manager Retail Calabria Nord di UniCredit, nel commentare la stipula del ‘Patto per la crescita della Calabria’, e nel confermare l’impegno del Gruppo bancario, quotato in Borsa a Piazza Affari, per il Mezzogiorno.

‘La firma di un protocollo con il sistema dell’alta formazione e con quello bancario è da salutare con favore, soprattutto per un territorio che ha importanti potenzialità’, ha invece dichiarato Natale Mazzuca, u presidente di Unindustria Calabria, nel porre anche l’accento sul fatto che ‘non chiediamo assistenzialismo ma opportunità’, e che ‘.occorre lavorare insieme per migliorare le prospettive economiche di tutti, avendo a cuore lo sviluppo del territorio’.

Il commento alla stipula del ‘Patto per la crescita della Calabria’ è arrivato pure da parte di Gino Mirocle Crisci, il Magnifico Rettore dell’Università della Calabria, che ha messo in evdenza come ‘investire nelle potenzialità dei giovani, negli spin off che nascono all’interno dell’Unical e che si aprono al territorio, sia uno dei segreti per favorire la crescita di tutta la regione’.

Bologna-Crotone Coppa Italia, risultato finale e marcatori

Martedì 4 dicembre, con calcio d’inizio alle ore 18, il Bologna tra le mura amiche ha ospitato il Crotone per il disputare il match valido per il quarto turno della Coppa Italia. La gara, quotata dai bookmakers online per le scommesse sportive sul web, ha visto scendere in campo il Bologna di Filippo Inzaghi con il modulo 3-5-2, e precisamente con Da Costa, Gonzalez, Calabresi, Helander, Mbaye, Poli, Nagy, Orsolini, Dijks, Santander e Falcinelli.

Il Crotone, guidato dal mister Massimo Oddo, ha invece risposto con il modulo 4-3-1-2 schierando dall’inizio Cordaz, Sampirisi, Golemic, Marchizza, Martella, Rohden, Barberis, Zanellato, Firenze, Aristoteles e  Simy. Bologna e Crotone si sono affrontate nei sedicesimi di finale di Coppa Italia dopo aver eliminato nel turno precedente, rispettivamente, il Padova ed il Livorno, e per regalarsi agli ottavi di finale della Coppa Nazionale la sfida contro i Campioni d’Italia della Juventus.

Bologna-Crotone risultato finale e marcatori

Sarà il Bologna a sfidare la Juve agli ottavi di finale di Coppa Italia avendo battuto il Crotone per 3 a 0. I padroni di casa, infatti, prima si sono portati in vantaggio al 40esimo minuto con una rete di Riccardo Orsolini, e poi al 56-esimo hanno raddoppiato con Diego Falcinelli. Al 67-esimo ancora Riccardo Orsolini, autore di una doppietta, ha poi fissato il risultato finale sul 2 a 0.

Il Crotone esce così dalla Coppa Italia per rituffarsi nel campionato di calcio di Serie B al fine peraltro di invertire la rotta visto che la squadra calabrese, dopo quattordici turni di campionato, ha conquistato appena 12 punti frutto di 3 vittorie, 3 pareggi e ben 8 sconfitte. Il pessimo bilancio in campionato, tra l’altro, ha portato all’esonero del mister Stroppa ed all’ingaggio del nuovo tecnico Massimo Oddo, ma i risultati tardano ancora ad arrivare.

Scommesse Champions seconda giornata, Roma e Napoli in casa per vincere

Si è chiusa con due vittorie, un pareggio ed una sconfitta, per le squadre italiane, la prima giornata della fase a gironi della Champions League 2018-2019. Le vittorie, in particolare, sono quelle della Juventus di Massimiliano Allegri per 2 a 0 sul campo del Valencia, nonostante i bianconeri per tre quarti di match abbiano giocato in dieci uomini a causa dell’espulsione di Cristiano Ronaldo, apparsa ai più ingiusta, e dell’Inter di Luciano Spalletti a San Siro in rimonta ed all’ultimo respiro contro il Tottenham di Mauricio Pochettino. Il Napoli non è invece andato oltre il pareggio in trasferta contro la Stella Rossa, mentre la Roma di Eusebio Di Francesco ha perso nettamente per 3 a 0 sul difficile campo del Real Madrid Campione d’Europa in carica.

Per gli azzurri di Carlo Ancelotti, e per i giallorossi di Eusebio Di Francesco, la vittoria sarà d’obbligo nel secondo turno della fase a gironi di Champions League 2018-2019 al fine di non rendere già in salita il cammino verso la qualificazione agli ottavi di finale della massima competizione per club. Vediamo allora, anche con l’aiuto di Betworld.info, qual è il calendario completo del secondo turno di Champions League 2018-2019 a partire dalle sfide in programma martedì 2 ottobre del 2018 che sono le seguenti: Hoffenheim-Manchester City, Juventus-Young Boys, AEK-Benfica, Bayern Monaco-Ajax, Lione-Shakhtar Donetsk, Roma-Plzen, Cska Mosca-Real Madrid, Manchester United-Valencia. E poi mercoledì 3 ottobre del 2018 si disputeranno le sfide PSG-Stella Rossa, Lokomotiv Mosca-Schalke, Borussia Dortmund-Monaco, Atletico Madrid-Club Brugge, PSV-Inter, Tottenham-Barcellona, Napoli-Liverpool e Porto-Galatasaray.

Analizzando i match delle quattro squadre italiane, la sfida più difficile, pur giocando tra le mura amiche, è quella del Napoli di Carlo Ancelotti allo Stadio San Paolo contro il Liverpool che, nel primo turno, ha battuto il PSG per 3 a 2 in una partita ricca di emozioni. La Roma allo Stadio Olimpico invece, contro il Plzen, è favorita per la vittoria e per incamerare i primi tre punti nella fase a gironi della Champions League, così come l’Inter in trasferta, contro il PSV, giocando come visto nell’ultima mezz’ora contro il Tottenham può di certo tornare a casa con un risultato positivo. Salvo clamorose sorprese, anche per quanto visto a Valencia, la Juventus è candidata alla vittoria, all’Allianz Stadium di Torino, contro lo Young Boys. In tal caso i bianconeri salirebbero a quota 6 punti in due partite nel proprio girone rendendo così il cammino verso gli ottavi di finale già in discesa.

Pentedattilo Film Festival 2017 a Reggio Calabria, assegnati i premi

Sono stati assegnati a Reggio Calabria i premi relativi al Pentedattilo Film Festival 2017 che è giunto alla sua undicesima edizione. A vincere la rassegna di cortometraggi, ex aequo, sono stati ‘Belle Ville’ di Jung Won-hee, e ‘Watu Wote’ di Katja Benrath, insieme a ‘Catherine’ di Britt Raes per la sezione Animazione. Leggi tutto “Pentedattilo Film Festival 2017 a Reggio Calabria, assegnati i premi”